Contenuti puri e semplici

A volte, parole e frasi diventano così GONFIE, così ABUSATE, che risulta difficile comprendere il loro vero significato.
Ad esempio le parole “content marketing”, che sembrano voler dire qualcosa di ben preciso, possono significare molte cose: da un tweet, ad un post per un blog, ad un contenuto di pagina web…
 
A mio avviso un buon “content marketing” è fondamentalmente una strategia.

Deve essere SEMPLICE, INTELLIGENTE, MEMORABILE e DEVE VENDERE.
 
Raccontare una storia è qualcosa di indispensabile per un Business; la storia raccontata deve dare un senso al marchio. Un marchio che ha fatto un’ottimo lavoro, ad esempio, è stata IKEA con “è facile da montare”. La storia è stata raccontata all’interno di un Centro IKEA ed ha creato l’idea che grazie ad IKEA ci si può divertire in diversi ambiti della vita.
IKEA è stata in grado di ironizzare su sé stessa e non ha mai permetsso che il suo orgoglio di “business vincente” prendesse il sopravvento.
 
Cos’è più prezioso? La lealtà emotiva o la fedeltà economica? Sono comportamenti collegati?
Se un cliente è legato emotivamente ad un Marchio, sarà più semplice per il Marchio attivare un comportamento desiderato nel cliente stesso; il contrario è quasi impossibile da realizzare. Il cliente fidelizzato “economicamente” al marchio, potrà reagire positivamente ai comportamenti che il Marchio si aspetta da lui, ma questi comportamenti non avranno lunga durata.

 

I Social Media hanno permesso ai Marchi sconosciuti ed alle piccole realtà di mostrare al mondo il loro vero valore, spesso non avendo alle spalle grandi studiosi di Marketing o forti basi economiche. Quando comincerà a sgretolarsi l’impiallacciatura del “Marchio famoso”, saranno i Marchio con una pulsione emotiva e qualitativa alla base che vinceranno.

Alessia Adobati
MKT Manager - Centrico

Attiva il tuo account gratuito

Per l'iscrizione abbiamo bisogno della tua email. Maggiori informazioni qui